Una sfida tra chi svolge meglio le faccende domestiche. Non è una gara tra casalinghe, ma un’idea dell’assessora della Provincia di Bolzano Martha Stocker, che gioca sulle differenze di genere coinvolgendo gli uomini in una sfida tutta particolare. Ecco che cosa ci ha raccontato. E come iniziative come queste possono aiutare a combattere stereotipi e pregiudizi.

Una donna e un uomo fanno lo stesso lavoro, hanno la stessa preparazione, ma l’uomo viene pagato di più. Sembra un’assurdità ma è una realtà in molti paesi, tra cui l’Italia, dove un uomo viene pagato in media il 17 per cento in più di una donna per fare lo stesso lavoro. In più, se entrambi i partner lavorano, a chi pensi che spettino le faccende domestiche? Per rendere consapevoli di questi due problemi, e scherzarci sopra, l’assessora della Provincia di Bolzano Martha Stocker ha pensato di promuovere per il secondo anno un concorso, Ironman, una gara tra uomini a chi stira meglio. Si terrà in concomitanza con il 7° Equal Pay Day, il prossimo 15 aprile, per ricordare la necessità di stabilire un’uguaglianza tra uomini e donne anche per quanto riguarda lo stipendio. Come si fa a portare avanti questa battaglia di civiltà? Lo abbiamo chiesto a Martha Stocker.

Come funziona il concorso Ironman?
Dopo il successo della prima edizione, lo scorso anno, abbiamo pensato di ripeterla, aggiungendo delle eliminatorie a Merano e Bressanone prima della finale a Bolzano, per permettere a più concorrenti di partecipare. Gli uomini amano le sfide nelle “discipline tecniche”, e lavare e stirare lo sono, anche se non sono quelle che intendono gli uomini.  Da qui è nata l’idea ironica di sfidare gli uomini a misurarsi con i lavori domestici, per eleggere l’Ironman dell’anno.

Oltre al gioco, ha notato cambiamenti effettivi nella vita quotidiana di donne e uomini che lavorano?

Assolutamente sì: i papà che spingono una carrozzina o cambiano i pannolini sono ormai un dato di fatto. Però non si può dire lo stesso per quanto riguarda i lavori domestici. Il congedo parentale obbligatorio per i padri potrebbe essere in futuro uno strumento valido per rendere gli uomini più partecipi nella cura dei figli.

Il 15 aprile è l’Equal Pay Day. Che cosa può fare la politica per riparare a questa disparità di trattamento economico?

Può mettere a disposizione strumenti per incentivare una maggior flessibilità da parte dei datori di lavoro. La flessibilità è una delle maggiori esigenze del mercato del lavoro, richiesta da tutti per gestire meglio lavoro e famiglia. Le nuove generazioni non sono più disposte a subordinare completamente la vita privata al lavoro, e chiedono modelli di lavoro più flessibili. In futuro potrà essere un vero e proprio punto di forza delle aziende: quelle che sapranno adattarsi a questa esigenza riusciranno sicuramente ad attrarre un maggior numero di dipendenti.

Che cosa bisognerebbe fare per cambiare la testa delle persone per quanto riguarda l’effettiva parità tra i sessi?

Cambiare gli stereotipi è un processo lento e difficile, ma eventi come l’Ironman possono essere un impulso per rivedere le proprie convinzioni. I partecipanti alla gara possono essere un esempio positivo per tutti coloro che ancora non partecipano ai lavori domestici.

Pubblicato il: 19 aprile 2016
Categoria:
COMMENTA

Devi essere registrato per poter lasciare un commento

RICHIEDI UNA MENTORSHIP

Le Mentor sono donne che hanno raggiunto posizioni lavorative appaganti e che mettono a disposizione il loro tempo e la loro esperienza in un percorso di mentorship a carattere personale e totalmente gratuito.

Cristina Tagliabue
Storyteller e produttrice audiovisiva
Lorena Capoccia
CEO
Francesca Panzarin
Cultural Management Freelance
Anna Maria Ricco
Responsabile Real Estate Italia Gruppo Unicredit

Scopri