La storia di Livia inizia dalla provincia di Messina quando, ancora piccola, amava lasciarsi affascinare dai racconti delle persone avventurose. Così, quando adolescente arriva a Sabaudia, ci mette poco a trasferirsi nella vicina Roma, punto di partenza per i suoi prossimi, lunghissimi viaggi. Livia infatti, spinta dalla sua passione per il diritto internazionale, non perde tempo: viaggia dalla Germania all’Olanda, dal Brasile all’Honduras, fino ad arrivare a San Francisco. Dove, forse per la prima volta, inizia a sentirsi a casa.

La mia storia è fatta di viaggi. A volte intrapresi per necessità, altre per passione, ma sempre con la consapevolezza che l’istinto, quello che mi faceva percorrere chilometri e a non guardare mai indietro, mi avrebbe portato dove volevo. Sono nata in provincia di Messina ma da piccola mi sono trasferita vicino a Sabaudia. Ho avuto un’infanzia felice e quando pensavo a cosa avrei voluto fare da grande cambiavo continuamente idea sul mio futuro: mi bastava vedere un film, giocare con un’amica o ascoltare qualche storia per restare affascinata dai personaggi avventurosi e dalla possibilità di viaggiare. Sembrerò scontata, ma sapevo che la provincia non faceva per me, così ho colto l’occasione del corso in Giurisprudenza all’Università di Roma per spostarmi nella capitale e iniziare a vivere da “cittadina del mondo”.

In quegli anni, ho affiancato allo studio la mia passione per il diritto internazionale. Complice la possibilità di un soggiorno Erasmus in Germania a 23 anni, che mi è servito di ispirazione per la mia tesi in Diritto Internazionale Umanitario, ho iniziato a muovermi su territori internazionali. Alla mia esperienza tedesca sono poi seguiti un interrail in una fattoria biologica in Olanda e un tirocinio post universitario all’Ambasciata italiana in Honduras, dove ho vissuto per 3 mesi.

Mi guardavo indietro, eppure, sentivo di non provare alcun tipo di nostalgia verso il Paese in cui ero nata. Di ritorno a Roma, una volta terminata la mia esperienza honduregna, ho provato a dedicarmi all’immigrazione e alla protezione internazionale da dietro una scrivania. Ho lavorato per tre anni in uno studio legale, dedicandomi anche a progetti creati in collaborazione con realtà che operavano in quei territori che tempo prima avevo visitato, come Save The Children e Asgi (l’Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione). Mi occupavo di discriminazioni per motivi etnici, razziali, nazionali e religiosi nei confronti dei migranti di seconda generazione che vivevano in Italia.

A un certo punto però si riaffaccia in me il desiderio impellente di ripartire. Questa volta alla volta del Brasile, dove mi occupo di insegnare italiano ai bambini delle scuole e di fare attività di volontariato per organizzazioni che si occupano di ragazzi di strada. Al settimo mese a Rio de Janeiro, scelgo di spostarmi più a nord, verso San Francisco, dove seguo uno stage in un centro specializzato nella difesa, assistenza e consulenza legale ai richiedenti asilo, vittime di persecuzioni di genere dell’Università of California of Hastings. Il Nord America mi ha aperto un mondo: tanto che, di fronte alla prospettiva di dover tornare in Italia, non ho perso tempo. Ho fatto subito domanda per un master in diritti umani e diritto internazionale nella stessa università. Vinta la borsa di studio, sono tornata qui a San Francisco.

Oggi vivo, studio e lavoro ancora qui. Da un anno e mezzo. Sono agli sgoccioli con il mio percorso di studi e spero di rimanere (permesso di soggiorno permettendo) a tempo indeterminato. Nel frattempo collaboro con il centro di ricerca dell’Università di California e continuo a tenere viva la mia passione per il diritto internazionale. A San Francisco ho conosciuto tante persone, specialmente due professoresse nell’ambito dei diritti umani e del diritto d’asilo, che ammiro tantissimo per la loro passione e spirito di dedizione. Chissà, forse un giorno, continuando a lavorare duro come sto facendo, potrei diventare come loro!

Pubblicato il: 12 ottobre 2015
Categoria:
COMMENTA

Devi essere registrato per poter lasciare un commento

RICHIEDI UNA MENTORSHIP

Le Mentor sono donne che hanno raggiunto posizioni lavorative appaganti e che mettono a disposizione il loro tempo e la loro esperienza in un percorso di mentorship a carattere personale e totalmente gratuito.

Paola Fico
Head of Primary Markets and Regulatory Compliance
Laura De Chiara
Imprenditrice, Business Angel e Senior Executive Marketing e Strategie
Gabrielle Fellus
Presidente e Trainer del Krav Maga Center KMIT e Consulente di Comunicazione
Paola Poli
Consulente, Imprenditore

Scopri