Appuntamenti dimenticati, fame nervosa, mal di testa frequenti: sono solo alcuni dei sintomi dello stress. Dai consigli dello psicologo alle app più efficaci, ecco i modi migliori per allontanarlo e vivere con più tranquillità.

Ritmi frenetici, ansia da prestazione, la paura di non riuscire a fare tutto… Lavorare senza stress è oggi più che mai un’impresa impossibile. Lo dicono i numeri: uno studio della Società Italiana di Psicoeuroendocrinoimmunologia ha rilevato che l’81% delle persone lamenta dosi massicce di stress, con le donne che raddoppiano le performance (13,1% delle donne contro il 7,1% degli uomini). L’Istituto Nazionale di Salute Mentale ha calcolato che almeno una persona su 75 ha sofferto, in passato, di attacchi di panico a causa di problemi economici, ritmi di lavoro sostenuti e pressioni familiari. E per uscirne? Niente panico, a volte, per ritrovare la tranquillità, bastano poche semplici mosse, eccole.

Riconoscilo fin da subito

Lo stress, per fortuna, è riconoscibile già nella sua fase iniziale. Come? A partire dai sintomi: possono essere fisici (mal di testa, tachicardia, dolori diffusi e stanchezza cronica), comportamentali (bruxismo, nervosismo, fame nervosa), emozionali (infelicità senza un valido motivo, crisi di pianto, emotività) e cognitivi (perdita di memoria, mancanza di creatività, distrazione). Una volta riconosciuto il problema, ricorda che il rimedio non è la soluzione del problema, ma il processo che si attiva per affrontarlo. Cambiato quello, riusciremo ad affrontare qualsiasi cosa, illuminante, vero?

Parti da te stessa

Ovvero, prendi le cose per quello che sono: una mentalità troppo razionale, che tende a voler controllare tutto, è il peggior nemico del benessere psicofisico. L’antidoto? La meditazione. No, niente posizione del loto sui monti dell’Himalaya! Basta prendersi qualche minuto al giorno per “osservare il vuoto”, cioè “prendere consapevolezza dei problemi e ‘guardarli’, senza cercare di intervenire o risolvere”, come spiega lo psichiatra Raffaele Morelli. Una scadenza a lavoro ti preoccupa? Perdi due o tre minuti per guardare il tuo problema, come se fossi una persona esterna che lo vede per la prima volta: questa sorta di “vuoto mentale” ti aiuterà a rinfrescare la mente e a mettere ordine dentro di te.

Un momento per tutto

Il multitasking è una virtù tutta al femminile, ma, secondo il neuroscienziato Daniel J. Levitin, direttore del Laboratory for Music, Cognition and Expertise della McGill University, danneggerebbe il cervello: vivere nel qui e ora aiuta a non lasciarsi andare a nervosismi inutili. Da dove cominciare? Parti da piccoli esercizi, come promettersi di non controllare le email durante la colazione. Ogni giornata che si rispetti, inoltre, dovrebbe avere le giuste ore di sonno, i pasti giusti al momento giusto (non un panino ingollato davanti al PC, per intenderci!) e una dose di sport, senza esagerare. Anche l’ossessione per il fitness, infatti, può essere una fonte di stress: camminare per mezz’ora sarà sufficiente per aiutare il sistema linfatico a funzionare al meglio, dandoci tono e energia.

Take it easy

A casa, a lavoro o in quelle attività che dovrebbero essere piacevoli, smettila di essere ossessionata dalla ricerca del risultato. Stare sul chi va là, mantenendo livelli di attenzione sempre massimi, fa crollare il rendimento. Concedersi una pausa, invece, permette di immagazzinare energie da utilizzare al momento giusto: mai sentito che le idee più geniali vengono mentre ci si rilassa? Una soluzione è ritagliarsi qualche momento della giornata per fare qualcosa che ci piace e ci appassiona, dal bricolage al canto. E, semplicemente, godersi il momento con dedizione e gratitudine per ciò che siamo capaci di fare.

Yoga si, ma con criterio

Lo yoga è l’ideale per allontanare lo stress, ma attenzione: non tutte le asana sono adatte allo scopo. Per permettere di ridurre ansia e attacchi di panico, infatti, l’ideale sarebbe praticare delle posizioni che permettano alla gabbia toracica di aprirsi e a spalle e collo, punti nevralgici dello stress, di distendersi. Chiedi al tuo maestro quali sono le più efficaci. Non sai a chi rivolgerti? Di recente il Corriere della Sera ha messo a punto una “mappa dello yoga”  che permette di individuare i posti migliori dove esercitare questa bellissima pratica, dalla Toscana al Salento. Imperdibile!

La tecnologia aiuta

Quando non stressa, la tecnologia aiuta! Imparare a sfruttarla a tuo favore ti renderà più smart e rilassata. Un esempio? Scarica un’app, o più di una, che ti aiutino a organizzare il tuo benessere psicofisico. Se svegliarti al mattino è difficilissimo, puoi scaricare Sleep Time – Alarm Clock, l’app intelligente che controlla il ciclo del tuo sonno per suonare nel momento in cui sei pronta al risveglio, senza interrompere la fase più profonda del riposo. Il tuo problema è il terribile suono della sveglia? Gratis è disponibile Relax Melodies, applicazione che contiene centinaia di melodie da impostare come sveglia o da ascoltare durante i momenti rilassanti. E, a proposito di Mindfulness, finalmente è arrivata anche in Italia Mindfulness app, il sostegno perfetto per accompagnarti durante le tue sessioni di meditazione: sai che anche la scienza ha riconosciuto l’utilità di quest’app, che ha spopolato nel Nord Europa? Non ti resta che iniziare!

Pubblicato il: 29 febbraio 2016
Categoria:
COMMENTA

Devi essere registrato per poter lasciare un commento

RICHIEDI UNA MENTORSHIP

Le Mentor sono donne che hanno raggiunto posizioni lavorative appaganti e che mettono a disposizione il loro tempo e la loro esperienza in un percorso di mentorship a carattere personale e totalmente gratuito.

Claudia Manzi
Professore Associato di Psicologia Sociale
Raffaella Monzani
Responsabile Business Unit
Valentina Serri
Partner Creattività
Paola Fico
Head of Primary Markets and Regulatory Compliance

Scopri