Adesso basta! Le ragioni per cambiare lavoro (e vita) possono essere molte e tutte perfettamente comprensibili: l’importante è farlo nel modo giusto, con queste mosse.

Tutti ci siamo passati almeno una volta nella vita: svegliarsi (spesso prima della sveglia) con un senso di malessere, con dolori psicosomatici, e avere l’ansia per un’altra terribile giornata di lavoro non è affatto divertente.
Quando prendiamo la decisione di dare le dimissioni, lo facciamo perché proprio non se ne può più; e a chi dice che è un capriccio, soprattutto nella situazione di precarietà economica odierna, sarebbe bene presentare qualche dato: uno studio finlandese condotto dal dottor M. Kivimaki ha evidenziato come, chi soffre di stress da lavoro, insoddisfazione e tendenza a somatizzare i malesseri appena descritti, rischi malattie cardiovascolari – spesso letali – in misura doppia rispetto a chi non conosce il problema.
Licenziarsi, quindi, significa porre nuovamente se stessi e la propria salute al primo posto. Ma è importante farlo nel modo giusto.

Vai via, ma non scappare

E’ importante restare in buoni rapporti con il boss e l’azienda. E’ sempre meglio intavolare un discorso faccia a faccia con chi di dovere, piuttosto che mandare un’email frettolosa o sparire di punto in bianco (si, succede anche questo!). Questo lo si deve soprattutto a se stessi e alla propria carriera: altre aziende potrebbero chiedere referenze. Inoltre, sempre meglio dire che si ha un’opportunità altrove, piuttosto che elencare ciò che ci ha fatto scappare: se le problematiche sono state sottoposte più volte all’attenzione del capo e sono rimaste in sospeso, un motivo ci sarà.

Preparati a un rilancio

Offrire un aumento a una risorsa già formata è sicuramente meno dispendioso che formarne un’altra ex novo: è per questo che il capo proverà a trattenere chi sta andando via, tramite un aumento di stipendio. Anche se la decisione è già presa, sarebbe opportuno ringraziare e dire che ci si penserà su.

Il bon ton delle dimissioni

Soprattutto se hai bisogno di referenze, ricordati di ringraziare i tuoi datori di lavoro per averti dato l’opportunità di crescere. E’ importante, poi, non allentare la performance solo perché si è in fine: ci si può offrire a formare il proprio sostituto, ed è buona norma non lasciare un progetto nella sua fase conclusiva più delicata.

Tutto per iscritto

Sarebbe opportuno concordare una data di fine e assicurarla per iscritto, per non cadere nel tranello del “giacché sei ancora qui…”. Ripescare il proprio contratto per avere più chiari tutele e obblighi con il proprio avvocato, aiuta a tenere sotto controllo la situazione e a definire contorni chiari.

Saluta tutti

Sicuramente i rapporti saranno migliori con alcuni colleghi piuttosto che con altri, ma è importante comunicare a tutti la propria decisione, per poi salutarli al momento opportuno. Potrebbero nascere pettegolezzi o battutine, ma con queste mosse avrai dimostrato una professionalità che va al di là di competenze tecniche e specifiche: la capacità di riconoscere il proprio valore e darne lustro anche in situazioni delicate è qualcosa che non tutti sanno fare. E se qualcuno dovesse dire che ci si è venduti ad un concorrente, ricordagli che il mercato del lavoro è pur sempre un mercato. E vai via a testa alta.

Pubblicato il: 30 gennaio 2017
Categoria:
COMMENTA

Devi essere registrato per poter lasciare un commento

RICHIEDI UNA MENTORSHIP

Le Mentor sono donne che hanno raggiunto posizioni lavorative appaganti e che mettono a disposizione il loro tempo e la loro esperienza in un percorso di mentorship a carattere personale e totalmente gratuito.

Patrizia Rizzo
Advisor investor services
Paola Fico
Head of Primary Markets and Regulatory Compliance
Silvia Brena
Giornalista, CEO di una società di comunicazione
Laura De Chiara
Imprenditrice, Business Angel e Senior Executive Marketing e Strategie

Scopri