Devi scrivere un report delle attività social svolte? Niente paura: ecco i consigli dei Ninja Marketing.

L’attività del SMM è anche monitoraggio e reportistica: le aziende investono tanto nel web marketing e richiedono sempre un riscontro in termini di traffico e spese affrontate. Non importa, quindi, che si svolga l’attività social da freelence o da dipendente dell’azienda: saper fare un buon report è necessario. Ecco da dove iniziare.

Come scrivere una tesi

Fare un report è come scrivere una tesi: inizia da un documento Word. E’ importante dare un nome ben preciso al documento e un titolo che focalizzi subito l’attenzione al risultato. In secondo luogo, dai una numerazione alle pagine, qualora qualcuno dovesse consultarle in formato cartaceo. Il tocco organico? Inserisci il logo dell’azienda e opta per il foglio slide pre-impostato.

Sii cristallina

“Sul web non si può bluffare”, commentano gli esperti di Ninja Marketing. Se i risultati ottenuti nell’ultimo mese non sono brillanti, è bene renderlo noto in riunione e ricercare una soluzione: la causa potrebbe essere altra rispetto all’attività social. Inizia con un sommario che descriva quali social sono stati utilizzati e il budget totale.

Aiutati con gli strumenti giusti

Un buon report dovrebbe contenere diagrammi, statistiche e numeri. Spesso, è normale doverli fare da soli. Altre volte, però, gli strumenti utilizzati vengono in aiuto: Facebook Insights, ad esempio, permette di esportare i dati in forma screen di pagina Excel. Estrapola poi ciò che serve veramente per non esulare dall’argomento del report. Anche Twitter mette a disposizione i tool giusti: se sei alle prime armi, prenditi il tuo tempo per studiare bene tutti i social.

Scegli una forbice di tempo

In base a quante metriche devono essere analizzate, decidi il lasso di tempo da analizzare: più sono le variabili, meno lungo sarà il tempo. Ma non solo: la scelta del periodo di analisi dipende anche da molte cose: di recente è stato lanciato un nuovo prodotto? Devi fare una comparazione con altri periodi? In quest’ultimo caso, scegli un periodo standard.

Conclusioni e forma

Il report deve essere proiettato al futuro: una volta raccolti i dati, l’ideale sarebbe fare un’analisi SWOT per capire punti di forza, debolezza e spazi di manovra. Stai diventando sempre più esperta? Alla reportistica cartacea, allega una presentazione Prezi molto più SMART: aiuterà a creare un database facile da consultare all’occorrenza.

Leggi anche:

Aiuto! Il capo mi ha aggiunto su Facebook: come gestire social network e lavoro?

First day, best day: come affrontare il primo giorno di lavoro

Cos’è il portfolio e perché ti serve subito per fare carriera

Pubblicato il: 13 settembre 2017
Categoria:
COMMENTA

Devi essere registrato per poter lasciare un commento

RICHIEDI UNA MENTORSHIP

Le Mentor sono donne che hanno raggiunto posizioni lavorative appaganti e che mettono a disposizione il loro tempo e la loro esperienza in un percorso di mentorship a carattere personale e totalmente gratuito.

Angela Di Luciano
Editor
Maria Mariniello
Avvocato
Lauretta Filangieri
Responsabile Marketing e Digital IntesaSanpaolovita
Marianna Martinoni
Fundraiser

Scopri