Donna e paria (membro della secolare casta degli intoccabili), Krishna Kumari è stata eletta senatrice in Pakistan una settimana fa, segnando una conquista importante per le donne e per le minoranze del Paese, in particolare quelle hindu, soggette a forti discriminazioni e violenze in un Paese a maggioranza mussulmana.

Nata nel febbraio del 1979 in un piccolo villaggio della provincia del Sindh, la vita di Krishna Kumari non è stata facile. Insieme alla sua famiglia viene resa schiava, costretta ai lavori forzati e in seguito imprigionata per tre anni; a 16 anni si sposa ma fortunatamente il marito le permette di continuare a studiare ottenendo la laurea in sociologia. Nel 2010 si unisce al Partito Popolare Pakistano, di stampo progressista e liberale, tra i cui obiettivi ci sono la lotta all’estremismo islamico e il governo militare.

Come attivista si batte contro la violenza sessuale sul lavoro, il lavoro forzato e lotta per i diritti delle donne della sua comunità. “Sono state redatte diverse leggi a favore dei diritti delle donne ma nessuna di queste è stata applicata; questo è qualcosa che voglio cambiare”, afferma la neoeletta senatrice, il cui obiettivo è anche quello di educare le giovani ragazze del Sindh a battersi per i propri problemi.

L’elezione di Krishna Kumari è stata accolta da molti come una tappa fondamentale verso un Pakistan più progressista e per il raggiungimento della libertà e la dignità delle donne del Paese.

 

Leggi anche:

Rivoluzione Iran: per la prima volta nella storia, una donna nel CEO di IranAir

Procura, femminile singolare: al Consiglio Superiore della Magistratura cinque vicecapi su otto sono donne

Donne e lavoro: i dati Istat confermano la crescita in 40 anni. Ma si può fare di più

Pubblicato il: 12 marzo 2018
Categoria:
COMMENTA

Devi essere registrato per poter lasciare un commento

RICHIEDI UNA MENTORSHIP

Le Mentor sono donne che hanno raggiunto posizioni lavorative appaganti e che mettono a disposizione il loro tempo e la loro esperienza in un percorso di mentorship a carattere personale e totalmente gratuito.

Lorena Capoccia
CEO
Gabrielle Fellus
Presidente e Trainer del Krav Maga Center KMIT e Consulente di Comunicazione
Federica De Medici
Investor Relations
Paola Poli
Consulente, Imprenditore

Scopri