Super good news dal più grande aggregatore di contatti professionali online. Il colosso LinkedIn ha recentemente svolto un’accurata analisi dei profili dei propri utenti (parliamo di oltre 467 milioni di user) registrando dati davvero positivi per quanto riguarda l’imprenditoria femminile.


Da un’indagine svolta recentemente da Linkedin è emerso che, rispetto al 2008, il numero di donne ad essersi guadagnata una posizione di leadership all’interno di un’ azienda è aumentato, a livello globale, del 25%. In particolare, è l’India ad aggiudicarsi il primo posto nell’assunzione di donne manager e, a seguire, si piazzano Canada, Stati Uniti e Francia. Anche l’Italia, sfidando la crisi, raggiunge il nono posto nella top 10 stilata da LinkedIn, rilevando un incremento del 6% di quote rosa assunte per ruoli manageriali.

I settori in cui il gender gap sembra assottigliarsi maggiormente sono quello dell’educazione e delle organizzazioni no profit. In questi ambiti, infatti, le donne che riescono a conquistare posizioni di prestigio raggiungono il 47%. Ottime notizie anche dal fronte STEM: oltre ai settori di healthcare e farmaceutico, l’ambito professionale che ha registrato l’incremento più significativo di donne manager è quello tecnologico. L’area digitale ha infatti visto una crescita del 18% nelle assunzioni di personale femminile, che si è concentrata, in particolare, in 3 professioni leader nel mondo del lavoro di oggi: User Experience Designer, Chief Technology Officier e Web developer sono le posizioni aziendali maggiormente tinte di rosa con un incremento nelle assunzioni rispettivamente del 67%, 60% e 40%.

Per determinare quali caratteristiche devono essere attribuite ad una donna leader, il portale LinkedIn ha analizzato anche la voce “competenze” dei propri profili ed ha stilato una classifica delle principali attitudini delle donne boss: management e leadership, seguite da custom services e public speaking sono le caratteristiche vincenti per una carriera di successo.

Un altro dato registrato dall’indagine dimostra che la parità di genere sta diventando sempre più una priorità per le aziende a livello globale. Più del 37% dei recruiter crede che l’equità di genere costituirà il criterio guida nel futuro della gestione delle risorse umane. Negli ultimi otto anni, in particolare, si è registrato un aumento del 35% nell’assunzione guidata da criteri di diversità di genere. Questo dato è sintomo di un’importante svolta, di un cambio di prospettiva che dimostra un reale impegno da parte delle aziende a voler ridurre sempre più il gender gap, in particolar modo per quanto riguarda le posizioni senior.

> Leggi anche:

Web e investimenti all’estero: l’ottima salute delle aziende guidate dalle donne

Perché il Diversity Management è la chiave del successo di persone e aziende

Pubblicato il: 30 marzo 2017
Categoria: Tag:
COMMENTA

Devi essere registrato per poter lasciare un commento

RICHIEDI UNA MENTORSHIP

Le Mentor sono donne che hanno raggiunto posizioni lavorative appaganti e che mettono a disposizione il loro tempo e la loro esperienza in un percorso di mentorship a carattere personale e totalmente gratuito.

Seble Woldeghiorghis
Strategic Partnerships Lead Airbnb Italia
Anna Maria Ricco
Responsabile Real Estate Italia Gruppo Unicredit
Paola Poli
Consulente, Imprenditore
Marianna Martinoni
Fundraiser

Scopri