Mettiamo da parte il pessimismo e proviamo, una volta a settimana, a raccontarvi tre buone notizie dal mondo del lavoro femminile. Scoprirete che non esistono solo gender gap incolmabili e percentuali negative. Scommettiamo?

Santa Clara. In Yahoo più di una dipendente su tre è donna, LinkedIn è la compagnia con più dirigenti femminili. Sono stati pubblicati pochi giorni fa da alcune delle più importanti multinazionali hi-tech i report 2015 sulla diversità. Con un incremento rispetto all’anno scorso, Yahoo si dimostra la compagnia con più donne impiegate: sono il 37%. Più di un terzo. Percentuale che scende al 24% per le posizioni ai vertici e al 16% nei ruoli tecnologici. Spicca invece, per quanto riguarda i ruoli femminili dirigenziali LinkedIn (30%), seguita da eBay (29%), Yahoo e Facebook (23%). Che il settore hi-tech si stia finalmente tingendo di rosa?

 

Roma. Nel lavoro stagionale, boom di donne occupate. Qualche giorno fa la Fipe, la Federazione italiana dei pubblici esercizi di Confcommercio, ha segnalato alcuni dati sull’occupazione per quel che riguarda il lavoro stagionale: quest’anno saranno impiegate quasi 80 mila persone in più nel settore del turismo, con un aumento del 31% rispetto al periodo luglio/settembre 2014. Ma la vera sorpresa riguarda il numero di donne occupate, che hanno praticamente raggiunto gli uomini: sono infatti il 49,9%, contro il 50,1% dei maschi.

 

New York. Hilary Clinton vuole più occupazione femminile. “È giunta l’ora di abbattere le barriere per l’ingresso delle donne nel mondo del lavoro. Bisogna porre fine alla vergogna per cui le donne guadagnano meno degli uomini. Per le donne servono paghe giuste e congedi parentali pagati”. Con queste parole, la candidata alla Presidenza degli Stati Uniti Hillary Clinton è intervenuta lo scorso 13 luglio a New York, durante la presentazione dell’agenda economica nel corso della sua campagna elettorale. Pura propaganda? Improbabile. In occasione delle presidenziali 2016, Hillary si è voluta circondare infatti di un team a prevalenza femminile, fatto di ex studentesse di Harvard, sportive ed ex manager di grandi aziende, come l’ex Google Stephanie Hannon, l’ex capo della comunicazione L’Oreal Kristina Schake e l’ex campionessa di basket Amanda Renteira.

Pubblicato il: 17 luglio 2015
Categoria:
COMMENTA

Devi essere registrato per poter lasciare un commento

RICHIEDI UNA MENTORSHIP

Le Mentor sono donne che hanno raggiunto posizioni lavorative appaganti e che mettono a disposizione il loro tempo e la loro esperienza in un percorso di mentorship a carattere personale e totalmente gratuito.

Monica Regazzi
Partner BCG
Patrizia Tornambè
Avvocato
Paola Poli
Consulente, Imprenditore
Cristina Tagliabue
Storyteller e produttrice audiovisiva

Scopri