Sabina è una fotografa, regista e sceneggiatrice: figlia di due politici importanti, è cresciuta tra salotti intellettuali e progetti culturali. Oggi, però, nonostante le sue mille qualifiche, fa ciò che le viene meglio: girare documentari e svelare un mondo meraviglioso, anche grazie alla sua curiosità. Essere pronta a ogni avventura, per lei, è un talento naturale, anche nella vita. La prossima meta? Diventare biologa marina.

Crescere con un padre storico del lavoro e con una madre femminista, non mi ha mai creato problemi. Anzi, fin da piccola sono stata circondata da personalità che, negli anni, sarebbero diventati modelli da seguire. Ascoltare le riflessioni degli amici di famiglia che entravano e uscivano dalla nostra casa ha fatto sì che potessi seguire un percorso diverso da quello dei miei coetanei. Sono cresciuta con idee chiare e precise per il mio futuro. Ma anche con la convinzione che le idee migliori nascono da tante teste, che, se messe insieme, possono dare vita a cose potentissime.

Ho mosso i primi passi nel mondo del cinema sperimentando un po’ di tutto, frequentando i tipici ambienti underground degli anni ’90: non mi definisco fotografa, non mi definisco regista e scenografa (e non mi piacciono gli appellativi altisonanti), sono semplicemente un operatore. Prendo in mano la mia telecamera e con lei guardo tutto ciò che mi stupisce nel mondo.

Sei film, venti documentari, due anni di insegnamento e diversi spettacoli teatrali: sono questi i numeri del mio lavoro, iniziato per gioco e oggi diventato una vera e propria professione. Mi piace il cinema, perché mi permette di essere “altro da me”, e i documentari mi hanno permesso di misurarmi con realtà bizzarre e di dare sfogo alla mia curiosità. Ne faccio spesso perché sono brava a gestire situazioni insolite, anche dal punto di vista umano. Un esempio? Di recente ho mangiato vermi con alcuni pastori sardi, imbracciando fucili. Chiamatelo un talento naturale: sono curiosa, e nelle situazioni nuove mi ci butto a capofitto.

Anche il futuro continua a incuriosirmi, e per ora ho due obiettivi: tornare a scrivere scenografie (anche se ho perso un po’ l’allenamento!) e magari fare la biologa marina. Ho anche scelto i corsi di laurea, e credo che andare a salvare balene e tartarughe sia il mio destino. Destino che voglio scrivere giorno dopo giorno, perché è bello a volte improvvisare, senza farsi influenzare da situazioni che potrebbero starci strette: io, con due genitori così importanti, non l’ho mai fatto. Per ora, continuo a raccontare il mondo attraverso i miei documentari, sperando di far sognare la gente proprio come accade a me quando mi trovo di fronte a qualcosa di mai visto.

 

Entra in contatto con Sabina, visita il suo profilo.

Pubblicato il: 9 dicembre 2015
Categoria:
COMMENTA

Devi essere registrato per poter lasciare un commento

RICHIEDI UNA MENTORSHIP

Le Mentor sono donne che hanno raggiunto posizioni lavorative appaganti e che mettono a disposizione il loro tempo e la loro esperienza in un percorso di mentorship a carattere personale e totalmente gratuito.

Gabrielle Fellus
Presidente e Trainer del Krav Maga Center KMIT e Consulente di Comunicazione
Paola Fico
Head of Primary Markets and Regulatory Compliance
Ludovica Lardera
CEO I-Faber Spa
Luisa Ferrario
IT Manager

Scopri