Cresce il numero di marescialle donne comandanti in Italia: 124 su 5.500 stazioni. Una cifra importante se si tiene conto che 1.576 donne (di cui 318 marescialle!) sono addette alle Stazioni pur non essendo comandanti. Un dato che fa riflettere e abbatte il pregiudizio che considera ancora “la figura del maresciallo” prettamente maschile. Le difficoltà ci sono e continueranno ad esserci, soprattutto in certe realtà dove comandare un personale prevalentemente maschile non è facile, ma le marescialle si stanno guadagnando la fiducia dei collaboratori con impegno e sacrificio. A confermare il cambiamento di rotta e la piccola rivoluzione della divisa con la gonna è Giuseppa Gambino, maresciallo ordinario in provincia di Palermo, “Ciò che conta sono la passione e la pazienza che impieghi nel lavoro, indipendentemente dall’essere donna” e puntualizza “ chiamatemi semplicemente –Maresciallo- è più neutro e per nulla svilente”.

Leggi anche:
> Cresce il numero di iscritte e laureate alla facoltà di ingegneria. Il mercato del lavoro? Spalanca le porte e si adegua.

> Donne sempre più presenti ai piani alti: ecco l’indagine di LinkedIn sulla leadership femminile

> Economia e lavoro in rosa: come è messa l’Italia? I nuovi dati dal Women Value Company 2017

Pubblicato il: 7 giugno 2017
Categoria:
COMMENTA

Devi essere registrato per poter lasciare un commento

RICHIEDI UNA MENTORSHIP

Le Mentor sono donne che hanno raggiunto posizioni lavorative appaganti e che mettono a disposizione il loro tempo e la loro esperienza in un percorso di mentorship a carattere personale e totalmente gratuito.

Silvia Brena
Giornalista, CEO di una società di comunicazione
Raffaella Monzani
Responsabile Business Unit
Maria Caramazza
Direttore Generale Fondazione ISTUD
Lorena Capoccia
CEO

Scopri