Da Maria Callas a Hillary Clinton, da Rita Levi Montalcini a Ipazia, “Storie della buonanotte per bambine ribelli”, di Elena Favilli e Francesca Cavallo (ed. Mondadori, 19 euro) propone 100 eroine che “non hanno avuto bisogno di un principe per essere salvate”.


Cos’hanno in comune Hillary Clinton, la prima candidata donna alla presidenza degli Stati Uniti d’America, e il premio Nobel per la Medicina Rita Levi Montalcini? E la regina d’Inghilterra Elisabetta I e la scrittrice Virginia Wolf? Le regine del tennis Serena e Venus Williams e Maria Callas, la più grande cantante lirica di sempre? Sono state tutte donne straordinarie e, prima ancora di diventarlo, sono state tutte bambine. Tutte “forse avranno amato un loro principe, ma non hanno avuto bisogno di lui per essere salvate”: così le descrivono Elena Favilli e Francesca Cavallo, nella loro raccolta Storie della buonanotte per bambine ribelli, uscito il 28 febbraio per Mondadori (19 euro).
100 vite di donne straordinarie per il libro più finanziato nella storia del crowdfunding

Storie della buonanotte per bambine ribelli racconta le biografie di 100 donne famose, raccontate in una pagina e con uno stile e semplicità ideali per i bambini. Storie di artiste, scrittrici, scienziate, sportive, regnanti, giornaliste, musiciste ed eroine di guerra, accompagnate da 100 illustrazioni a colori realizzate da 60 illustratrici. Il libro è stato finanziato su Kickstarter, dove è riuscito a raccogliere un milione e 300 mila dollari da 70 nazioni (dal lancio della campagna, nell’aprile 2016, fino all’ottobre dello stesso anno) e divenendo il libro più finanziato nella storia del crowdfunding. È stato tradotto in 12 lingue ed è venduto in Gran Bretagna, Olanda, Germania, Polonia, Turchia, Messico, Brasile e Tailandia.

C’erano una volta…le autrici

“Bambine ribelli” lo sono state prima di tutto le due autrici, Elena Favilli e Francesca Cavallo: la prima è una giornalista-imprenditrice, laureata in Semiotica all’Università di Bologna, con specializzazione in Digital Media a Berkeley, California; la seconda è autrice e regista di teatro, esperta d’innovazione sociale, fondatrice di “Sferracavalli”, festival internazionale d’immaginazione sostenibile a Lizzano (Ta). Il loro percorso comune è iniziato nel 2012 a San Francisco, dove, grazie all’incubatore DaveMcClure (che ha fornito loro 600mila dollari da investitori italiani e americani), sono riuscite a fondare Timbuktu Labs, startup che crea prodotti innovativi per bambini. La società ha ancora sede a San Francisco e, tra le varie cose, pubblica ITibuktu MagazineI, la prima rivista su iPad per bambini.

Una narrazione diversa per non perdere fiducia in se stesse

Storie della buonanotte per bambine ribelli vuole essere il racconto di un modello femminile diverso, ma reale: coraggiosa, determinata, protagonista del proprio futuro. È il modello a cui ogni genitore aspirerebbe per le proprie figlie, eppure ostacoli e stereotipi di genere sono radicatissimi anche nell’editoria per bambini. Una ricerca del dipartimento di sociologia dell’Università della Florida ha evidenziato come la maggior parte dei libri per l’infanzia dell’ultimo secolo proponga soprattutto eroi maschi. Ad esempio, su circa 6000 libri illustrati analizzati, solo il 7,5 per cento (450) avevano per protagonisti animali femmine (il 23% aveva animali maschi e i restanti non avevano specificato un genere). “Secondo recenti ricerche le bambine, fin dalla scuola media, iniziano a perdere fiducia in se stesse. Ecco perché essere esposte molto prima a una narrazione diversa della femminilità è fondamentale”, spiegano le due autrici. Proporre una narrazione diversa della femminilità, sin dall’infanzia, è indispensabile per diffondere un’immagine delle donne non più legata alla debolezza, all’ingenuità, al bisogno di aiuto o alla civetteria, ed è anche per aiutare i genitori in questo difficile compito che è nato Storie della buonanotte per bambine ribelli. Perché le parole che scegliamo per raccontare il mondo e viverlo derivano dalla nostra esperienza personale che, a sua volta, influisce su quella delle persone che ci sono intorno.

La mostra ed eventi

In occasione della Festa della Donna, le Librerie Feltrinelli d’Italia hanno inaugurato una mostra itinerante dedicata al libro, con la selezione di 20 immagini dedicate da altrettante donne eccezionali. La prima tappa è Firenze, nella Feltrinelli di via de’ Cerretani (dall’8 al 28 marzo, con la presenza, lunedì 13, delle due autrici). Sarà poi la volta di Milano, da aprile, nella libreria di piazza Piemonte, e Genova, a maggio, nella sede di via Ceccardi. Inoltre a Milano, il 9 marzo (ore 18:30), Storie della Buonanotte per bambine ribelli sarà presentato dalle autrici con Luciana Littizzetto nella libreria Rizzoli in Galleria Vittorio Emanuele II.

> Leggi anche:

Good news! Arriva Dot, il cartoon che incoraggia le bambine a diventare scienziate

Il galateo del coworking: 5 regole (più una) da seguire

 

Pubblicato il: 9 marzo 2017
Categoria: Tag:
COMMENTA

Devi essere registrato per poter lasciare un commento

RICHIEDI UNA MENTORSHIP

Le Mentor sono donne che hanno raggiunto posizioni lavorative appaganti e che mettono a disposizione il loro tempo e la loro esperienza in un percorso di mentorship a carattere personale e totalmente gratuito.

Micaela Ferruta
Senior Sell Side Analyst
Seble Woldeghiorghis
Strategic Partnerships Lead Airbnb Italia
Anna Maria Ricco
Responsabile Real Estate Italia Gruppo Unicredit
Patrizia Tornambè
Avvocato

Scopri