La produttività non ha nulla a che vedere con la quantità: lo dimostrano queste sei abitudini delle persone di successo, da annotare e inserire nella tua routine quotidiana.

 Fare di più o fare meglio? Spesso è questa la domanda che ci si pone quando le giornate sembrano passare lente e risolversi in un nulla di fatto. La produttività, infatti, non è innata, ma si impara grazie ad una sinergia di “desiderio, pianificazione intelligente e lavoro mirato”, come afferma Paul J. Meyer, il fondatore del Success Motivation Institute. I trucchetti per aumentare la produttività personale sono tantissimi: dalle classiche to-do-list organizzate in ordine di importanza, alla sveglia russa (svegliarsi all’alba), passando per il principio di Pareto, che afferma che l’80% del risultato deriva dal 20% di lavoro. Ma la verità è che ci sembra sempre di fare meno degli altri: ecco quindi una lista di cose che le persone produttive fanno, e fanno meglio, per andare a letto la sera completamente soddisfatte.

Evitano il perfezionismo

Ti sorprende? Se è vero che “una cosa fatta bene può essere fatta meglio”, è anche vero che l’importante è…farla. Se stare attenti al più insignificante dettaglio significa sottrarre energie preziose ad altri progetti, lascia perdere. Ci puoi tornare dopo, quando sarai più libera.

Si svegliano presto

La procrastinazione per eccellenza, si sa, è quella della sveglia: molti, infatti, sottovalutano le prime ore del mattino. Prima di andare a lavoro è possibile fare uno sport leggero (che aiuta a ricaricare le pile e aumentare l’efficienza), portare a termine alcune noiose commissioni o semplicemente coccolarsi un po’ con una buona colazione e una rivista. Dedicarsi a sé è uno dei modi migliori per partire alla grande.

Sanno dire “no”

O, in alternativa, sanno delegare. Cercare di accontentare tutti, infatti, non è mai la strada giusta, dal momento che nuoce sia te che gli altri. Se invece la questione è importante, ma non urgente, puoi rimandarla o in alternativa imparare la nobile arte della delega. Una persona fidata lo farà con piacere, e tu potrai cancellare quell’impegno dall’agenda.

Pensano positivo

E usano parole gentili con se stessi. “I pensieri vanno scelti come vestiti”, scrive Anthony Robbins. E’ stato infatti dimostrato che alcuni neurotrasmettitori sono attivati diversamente in base alla natura del pensiero: determinate associazioni mentali, infatti, possono addirittura migliorare o peggiorare il sistema immunitario. Uno studio del prof. James Lynch dell’Università di Baltimora, inoltre, afferma che una bassa autostima incide in modo significativo sulla produttività personale e lavorativa.

Sono orientati al risultato (con piccoli obiettivi)

Banale? Nient’affatto! Una timetable – o un momento organizzativo iniziale – è sempre fondamentale per iniziare un progetto: aiuta a focalizzarsi sul risultato e, nello stesso tempo, a definire i piccoli passi da fare per raggiungerlo. Se il tuo sogno è quello di metterti in proprio, un primo passo ad esempio potrebbe essere cercare le risorse o rivolgerti a chi di competenza: in ogni caso, mettilo nero su bianco e appendilo davanti la scrivania. Pare infatti che scrivere aiuti la concentrazione e il ricordo. In questo senso, anche l’uso di un’agenda è strategico: alcuni uomini di successo non se ne separano, come una coperta di Linus.

E infine…

Pause, vacanze e tempo libero sono assolutamente contemplati, nelle agende dei manager di successo. Fermarsi per ricaricare le pile è fondamentale per dare una scossa alla produttività. Il trucco? Riposarsi senza annoiarsi: se la mente è vuota, l’immaginazione trova spazio per esprimersi, dando vita a idee e stimoli. Rallentare non è soltanto fisiologico, ma è addirittura necessario per avere successo. La produttività si fa soprattutto fuori dall’ufficio: perché non provare?

Pubblicato il: 7 luglio 2016
Categoria:
COMMENTA

Devi essere registrato per poter lasciare un commento

RICHIEDI UNA MENTORSHIP

Le Mentor sono donne che hanno raggiunto posizioni lavorative appaganti e che mettono a disposizione il loro tempo e la loro esperienza in un percorso di mentorship a carattere personale e totalmente gratuito.

Raffaella Monzani
Responsabile Business Unit
Luisa Ferrario
IT Manager
Maria Mariniello
Avvocato
Monica Regazzi
Partner BCG

Scopri